Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Chavez in Brianza

Si tratta, come ovviamente dirà l'interessato, dell'ennesima prova del complotto in atto, che neppure la minaccia di querela è riuscita a sventare. Si è mai vista una presa di posizione così, con un quotidiano straniero di rilevanza internazionale che definisce il capo del governo italiano "a tratti comico, a tratti megalomane"? L'ultimo articolo di The Times non è, però, solo uno dei molti episodi di una lunga serie. L'impietoso ritratto di Berlusconi che ne emerge indica come il problema sia sfuggito ormai ad ogni controllo. Anzi, è proprio in termini di perdita di controllo che descrive la situazione italiana chi ci osserva dall'esterno. Con al vertice dell'esecutivo una persona che, avendo perso il senso della realtà, esterna reazioni che danno sfogo alla frustrazione ed alla irritazione di chi, malgrado le rassicurazioni dei cortigiani, comincia a sentire ormai gli effetti dell'impotenza. Ma se tra Berlusconi e la realtà la distanza è sempre maggiore, come racconta chi ci guarda, c'è però da chiedersi cosa impedisca alla realtà di far valere le proprie ragioni. La sindrome dell'irrealtà è così contagiosa che nessuno più ne è esente?