Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tangenti alla tedesca

La Siemens da un paio di anni sta infilando una serie strabiliante di condanne per corruzione. L’ultima, con multa record di quasi ottocento milioni di dollari, viene dagli Stati Uniti e riguarda alcune migliaia di bustarelle pagate a funzionari pubblici americani. Ma la lista dei paesi (tra cui l’Italia) dove gli appalti erano vinti ungendo ingranaggi è lunga come l’elenco delle filiali estere. Un vizio ben radicato, che secondo i legali dell’azienda finora è costato 1,3 miliardi di tangenti.

Tanta disinvoltura di un mito dell’industria tedesca potrebbe consolarci. Per via della storia del "mal comune". Ma qualcuno ha fatto notare che a portare alla luce lo scandalo è stata la commissione anticorruzione interna all’azienda. E che la nuova direzione della Siemens ha chiesto agli 11 ex-dirigenti ritenuti colpevoli di risarcire il danno (1,9 miliardi, euro più o euro meno). Quindi faremmo bene a moderare il nostro mezzo gaudio.