Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Masters of the Universe

Arianna Huffington spara ad alzo zero contro il ministro del tesoro di Obama, Tim Geithner. Dall'influente blog filo-democratico fino alle pagine del New York Times (dove da giorni è Paul Krugman che indirizza commenti al vetriolo contro il piano Geithner) il fuoco amico si ingrossa. La gestione del caso dei "bonus" pagati ai manager AIG ha dato il via alla prima presa di distanza dalla politica della nuova amministrazione. I media liberal contestano l'eccessiva continuità della politica del Tesoro rispetto alle scelte di Bush e Paulson. Ma è Arianna che piazza la bordata più fragorosa:

I don't believe Geithner thinks we're stupid (although he almost certainly doesn't think we're as smart as he is). He just can't change who he is: a creature of Wall Street, habitually sympathetic to the people at the top of the financial system, who he clearly thinks were born to run the world.